NEWSSERIE TV

The End of the F***ing World continua?

The End of the F***ing World 2 la nostra recensione

The End of the F***ing World 2 ci spiega il trauma che accomuna James e Alyssa: la morte del professore Clive Koch. Se questo evento ha rappresentato un inossidabile elemento di unione fra i due protagonisti, ha d’altro canto innescato una serie di conseguenze incontrollabili, che hanno portato alla separazione dei due ragazzi.

Ed è a questo punto che entra in gioco Bonnie, il nuovo personaggio introdotto in questa seconda stagione. Così come la morte del sadico professore rappresenta l’elemento unificante fra James e Alyssa, al contempo simboleggia il motivo dell’introduzione di quest’imprevedibile antagonista.

alyssa e james camminano per strada

Bonnie agisce sospinta da traumi pregressi, in particolare dal dolore. Infatti la madre le infliggeva delle punizioni non molto consone in qualsiasi occasione. E’ grazie a questi presupposti che la giovane donna, inconsapevolmente, costituisce un ponte che ricongiunge i folli mondi di James e Alyssa.

Alyssa si trova alle prese con i propri demoni, un vero e proprio macigno per il suo spirito e la possibilità di rapportarsi con chiunque altro. James adesso sente e quindi soffre in maniera profonda, mentre Alyssa vorrebbe non sentire più nulla e cadere in un oblio di noncuranza, unico antidoto ai mostri che la tormentano silenziosamente. Nonostante questo, i due rimangono accomunati da ciò che li aveva fatti innamorare durante la prima stagione. Entrambi manifestano infatti una forte insofferenza ad affrontare qualsivoglia situazione socialmente costituita e riconosciuta come importante, che sia un lutto o un matrimonio.

The End of the F***ing World il finale

L’epilogo riservato ad Alyssa e James ci sembra il più sincero e naturale possibile. I meravigliosi frammenti finali ci rivelano definitivamente l’essenza di un affetto autentico.

Come già dichiarato da Charlie Covell, questa seconda stagione ha messo la parola fine alla serie e alle vicende di James e Alyssa. Questa scelta non può che sembrarci la più appropriata e sensata, per un prodotto che non avrebbe dovuto e potuto rappresentare una fan fiction, come sostenuto dalla stessa creatrice. Tuttavia questo non è quello che spera Channel 4.

alyssa e james seduti su una panchina

Ci sarà una terza stagione?

The end of the f***ing world è una serie tv coposta da 2 stagioni con 10 episodi ciascuna. Disponibile su netflix che ha da poco fatto uscire la seconda ed ultima parte. Ma alcune voci di corridoio dicono che non sia proprio finita qui.

Le avventure di  Alyssa e James potrebbero non essere terminate. Perlomeno questo è ciò che vorrebbe Channel 4, la rete che ha co-prodotto con Netflix The End of the F***ing World. Il direttore della programmazione della rete britannica Ian Katz, infatti, ha detto a Deadline che, qualora l’autrice della serie Charlie Covell volesse scrivere la terza stagione, le porte di Channel 4 sarebbero aperte. “Credo che lei voglia prendersi un attimo di pausa per dedicarsi ad altro”, ha detto Katz riferendosi alla scrittrice.

alyssa e james in fuga

Cosa ne pensa la creatrice?

Charlie Covell, da parte sua, ha sempre reso dichiarazioni contrastanti circa la continuazione di The End of the F***ing World. Terminata la stagione 2, la scrittrice ha dichiarato di ritenere l’ultimo episodio dell’adattamento televisivo della graphic novel di Charles Forsman “un finale a tutti gli effetti”. “Diciamo che se non mi avessero permesso di fare la seconda stagione, ci sarei rimasta molto male. E penso che questi ultimi episodi dimostrino che fosse necessaria. Finisce nel modo più giusto per la storia”, ha detto. Precedentemente, però, l’autrice aveva aperto le porte alla possibilità di una terza stagione dichiarando a Digital Spy: “Mai dire mai”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *