Tag: Bojack

SERIE TV

Bojack – finale di stagione

Ieri è uscita la seconda parte dell’ultima stagione di Bojack. Come finirà?

Il creatore di BoJack Horseman, Raphael Bob-Waksberg, non avrebbe voluto fermarsi proprio ora. Anni fa aveva chiesto a Netflix di avvisarlo per tempo, qualora avessero avuto intenzione di staccare la spina alla sua serie, per dargli la possibilità di portare a compimento il suo discorso, per non lasciare nulla in sospeso. È quello che è successo: prima della sesta stagione, gli hanno detto che quel momento era arrivato.

Il fulcro di tutta la Stagione 6 è la redenzione, lo sappiamo. Quello che Raphael Bob-Waksberg si chiede e chiede al suo pubblico è se la volontà di cambiare davvero, se la determinazione di voltare pagina basti. O se quello che abbiamo fatto sia comunque qualcosa di cui dobbiamo rendere conto, che non puoi semplicemente nascondere sotto il tappeto perché un giorno ti dici che da quel momento sei una persona nuova. BoJack Horseman non è un esempio, ma al contrario un modello da evitare, una figura sbagliata. Il suo creatore l’ha ripetuto tante volte, ne parlavamo qui. Ma anche un personaggio tossico (in più di un senso). Che ha fatto del male a tante persone e che si crogiola nella sua autodistruzione. Quando prova a tirare fuori la testa dal sacco di sofferenza per sé e chi lo circonda in cui si è infilato, merita una nuova vita? Dura, il BoJack professore realizzato?

BoJack Horseman non è solo la storia di BoJack Horseman. È la storia del suo universo, dei suoi amici che da anni non sono più dei semplici amici.

 C’è l’esigenza di portare a compimento anche i loro di percorsi, certo, ma c’è pure la voglia esplicita di far capire che sono importanti quanto l’uomo cavallo che dà il titolo allo show. Diane ha in questi episodi quasi lo stesso minutaggio su schermo di BoJack. Il che è normale, visto che ne rappresenta per molti aspetti il rovescio della medaglia, una persona completamente diversa, ma accomunata a BoJack da quei lunghi viaggi nel tunnel della depressione, dalla ricerca di un suo posto nel mondo.

Tra le righe, non sono pochi i momenti in cui BoJack e gli altri scherzano sul loro destino, sul loro essere personaggi. In una serie piena di animali antropomorfi che conservano istinti e fissazioni della loro metà ferina. Gli autori giocano al gatto e al topo con chi guarda, spingendolo a credere che quella certa cosa si ricollegherà a quell’altra. Che tutto sia stato scritto e sotto gli occhi dello spettatore sin da principio, che il finale è quello. Certo, è un peccato anche vedere che la piattaforma di streaming che ha permesso che una serie del genere esistesse ha cambiato le sue priorità e il proprio modus operandi. Come lo stesso Bob-Waksberg ha ripetuto più volte negli ultimi mesi.

Sembrano passati giusto una manciata di mesi, ma la storia del cavallo depresso di Hollywoo è letteralmente di un’altra epoca.

Siamo stati fortunati che BoJack sia nata quando l’altra Netflix pensava alla qualità e sosteneva di non dare troppo peso agli ascolti, proprio perché libera dalla schiavitù dei rating della TV tradizionale. Quando non era un algoritmo che non ti dà la giusta visibilità a tagliarti le gambe, come ha sostenuto Lisa Hanawalt per Tuca & Bertie. Serie osannata dalla critica, ma evidentemente con troppo poco buzz e visualizzazioni per darle una seconda chance.

Dal finale di BoJack Horseman cosa ci si può aspettare?

Non solo una chiusura delle storie, non solo un ultimo, già nostalgico giro di saluti, non solo una risposta alla domanda sul destino dell’ex star di Horsin’ Around, ma una chiave di lettura di questi personaggi degna di tutto il percorso. Ed è arrivata. Senza bisogno di chissà quali numeri, è arrivata, semplicemente concludendo il discorso intrapreso sei anni fa. Ma al di là di quello che succede, di un ultimo episodio che sicuramente – avviene per tutte le serie più amate – dividerà il pubblico, non piacerà a tutti e spingerà un sacco di gente a scrivere sui social che avrebbe apprezzato maggiormente la stagione se si fosse chiusa con la puntata precedente, il punto è il messaggio di quella trama, non solo la trama in sé.

18Gen
NEWSSERIE TV

Bojack – ultima stagione

Ecco il trailer della seconda parte dell’ultima stagione di Bojack Horseman BoJack Horseman è la serie televisiva creata da Raphael Bob-Waksberg. La storia segue le avventure del protagonista, ovvero...