Tag: Abbonamenti

NEWS

Netflix – Stop agli account condivisi

Con la condivisione della password, Netflix perse sempre più soldi all’anno facendosi sopraffare dalla concorrenza. Quale sarà la soluzione ?

Ben si sa che qualunque abbonamento si scelga, non è prevista alcuna limitazione al numero di device associabili a ogni account. Inoltre i piani di Netflix permettono di visualizzare i contenuti su più dispositivi in contemporanea. Vantaggi apprezzati, ma che hanno dato vita a una pratica diffusa. La condivisione delle password. Così, vista la crescente concorrenza di Disney+, Apple TV+ e Amazon Prime Video, secondo alcune indiscrezioni la piattaforma starebbe riflettendo su come limitare questa possibilità. Non a caso, già lo scorso ottobre il capo dei prodotti Gregory Peters aveva accennato a «modi consumer-friendly» per intervenire sulla questione.

Ragazzo che guarda Netflix dal telefono

Password sharing

Naturalmente il password sharing è una dinamica già nota all’azienda: secondo stime interne, sarebbe circa il 31% dell’utenza attiva a non pagare l’abbonamento o a dividerne il costo con altri iscritti. Ciononostante, fino a qualche tempo fa il ceo Reed Hastings affermava che la condivisione delle credenziali era positivo. Infatti funzionava da «marketing gratuito». Ma Netflix avrà bisogno di ulteriori risorse per consolidare la propria bravura. Da qui la necessità di massimizzare i profitti ed erodere nuove quote di mercato. D’altronde Parks Associates ha calcolato che, nel solo 2019, la condivisione delle credenziali ha sottratto alle piattaforme oltre 9 miliardi di dollari. Una cifra che, in mancanza di adeguate contromisure, arriverà a toccare quota 12,5 miliardi entro il 2024. 

Il simbolo di Netflix con uno sfondo pieno di soldi

Tuttavia ci sono anche altri aspetti da tenere in considerazione: «Riuscite a immaginare – ha detto l’analista Dan Rayburn – quale sarebbe il contraccolpo sul brand se da un giorno all’altro Netflix annunciasse che non si possono più condividere le password? L’azienda ha una reputazione di mercato“amichevole” che perderebbe dall’oggi al domani se prendesse decisioni drastiche». La soluzione starà nell’individuare il giusto compromesso. Quale sarà?