NEWSSERIE TV

Serie tv senza finale

L’esplosione dell’emergenza coronavirus tra Canada e Stati Uniti ha determinato uno stop di gran parte delle produzioni. A metà marzo i set sono stati chiusi e cast e crew mandati temporaneamente a casa. In un primo momento si pensava che i lavori avrebbero potuto riprendere, terminando così le riprese per quei tre/quattro episodi mancanti, che fungerebbero da finale alle correnti stagioni delle serie TV. Qualche show ancora ci crede, come Grey’s Anatomy, a meno 4 episodi per chiudere, The Blacklist, a meno 3 e mezzo e The Resident. Ancora più critica la situazione per Empire e Supernatural, entrambi ai loro capitoli conclusivi. Nessun problema invece per Modern FamilyHawaii Five-0 e The 100, i cui series finale sono già stati girati.

La maggior parte delle serie TV, però, quest’anno chiude prima, senza il finale inizialmente progettato. Anzi, hanno già chiuso. Non risulta fattibile, infatti, dal punto di vista finanziario congelare le diverse troupe per settimane nella speranza di poter girare gli ultimi episodi. Ricominciare la produzione, inoltre, comporta enormi spese.

Ad oggi, a rimanere senza la conclusione prevista sono le seguenti serie TV:

  • NCISNCIS: Los Angeles e New Orleans (CBS) 
  • Bull (CBS) 
  • FBI (CBS) 
  • SEAL Team (CBS) 
  • S.W.A.T. (CBS) 
  • Young Sheldon (CBS) 
  • Bob Hearts Abishola (CBS) 
  • The Neighborhood (CBS) 
  • Chicago Fire, PD e Med (NBC)
  • Law & Order: SVU (NBC) 
  • New Amsterdam (NBC) 
  • Superstore (NBC) 
  • The Flash (The CW)
  • Supergirl (The CW) 
  • Batwoman (The CW) 
  • Riverdale (The CW) 
  • Dynasty (The CW) 
  • Nancy Drew (The CW) 
  • The Goldbergs (ABC)
  • Schooled (ABC) 
  • American Housewife (ABC) 
  • Last Man Standing (FOX)

Cosa accadrà agli episodi rimasti fuori?

 Stando a quanto riportato da Deadline, attualmente non ci sarebbero piani in atto. Le alternative sono farli rientrare nella produzione della prossima stagione televisiva, incorporare questi copioni ai nuovi cicli di episodi oppure scartarli e basta. Al momento non è ancora chiara la situazione.

Fonte: Deadline

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *