My Hero Academia - NerdSoul
MangaNEWS

My Hero Academia – Ufficialmente vietato in Cina

Una recente controversia ha bloccato le vendite in Cina

Una recente controversia legata alla rivelazione del nome di un villain ha portato grande trambusto in Cina. Questo evento ha riaperto una triste e macabra ferita che ha bloccato la diffusione sulle piattaforme digitali in tutte le sue forme del manga My Hero Academia.

My Hero Academia - NerdSoul

Kohei Horikoshi, creatore del manga in questione, che scrive e disegna per Weekly Shonen Jump, ha rivelato il vero nome del Dottore creatore dei Nomu, cioé Maruta Shiga. Il nome è un chiaro e forte riferimento agli esperimenti biochimici effettuati sugli umani svolti dai giapponesi ai danni di civili cinesi, durante la Seconda Guerra Mondiale.

Questo nome in particolare è accostato alle vittime di tali pratiche, da condannare senza dubbio, ma che sono state cancellate dai libri di storia.

My Hero Academia - NerdSoul

Maruta era il nome in codice per le vittime degli esperimenti perpetrati dall’unità 731 dell’Esercito dell’Impero giapponese. Le vittime comprendevano bambini, anziani, donne in dolce attesa e disabili; erano infettate di proposito con malattie, amputazioni e pratiche di lobotomia mentre erano ancora vive.

Questo tragico riferimento storico non è passato inosservato, ma sia Shueisha che Horikoshi hanno dichiarato che non era loro intenzione rievocare questi dolorosi ricordi e nemmeno di sostenere questo evento. Siccome questo scandalo ha preso velocemente piede è stato deciso che una volta che il capitolo 259 sarà in vendita in formato volume, il nome del dottore verrà sostituito.

My Hero Academia - NerdSoul

Amante del fumetto nelle sue svariate forme. Sono cresciuto con Dragon Ball e One Piece e successivamente mi sono appassionato del fumetto supereroistico americano, tra tutti Wolverine e Daredevil. Ammiro e seguo la scena fumettistica italiana, tra tutti le opere di Davide Toffolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *