FILM

Film da vedere in quarantena

È ufficiale siamo tutti bloccati a casa in quarantena. Dopo tutti il giorno a non far niente sarebbe bello mettersi comodi sul divano e vedersi un bel film. Ma la domanda cruciale è sempre la stessa, che film guardò adesso?

Non ti preoccupare ci pensiamo noi a consigliarti dei bei film da vedere.

Film su Netflix

IL MIO VICINO TOTORO (Hayao Miyazaki, 1988)

Le sorelline Satsuki e Mei trascorrono il loro tempo nella casa dove si si sono appena trasferite col padre, in attesa del ritorno della madre dall’ospedale in cui è ricoverata. Nella nuova sistemazione faranno conoscenza con esseri sorprendenti.

LA CITTÀ INCANTATA (Hayao Miyazaki, 2001)

Chihiro e la sua famiglia traslocano e, durante un’esplorazione del nuovo territorio, la bambina si ritrova in una città – appunto – incantata, in cui gli uomini vengono trasformati in animali da una strega.

IL RE (David Michôd, 2019)

Hal è un principe ribelle che si troverà, suo malgrado, ad ereditare il trono britannico. Ispirato all’Enrico V di William Shakespeare e presentato in concorso alla 76ma edizione della Mostra del Cinema di Venezia.

KILL BILL VOL.1 e 2 (Quentin Tarantino, 2003 e 2004)

Un capolavoro firmato Tarantino che riunisce il mondo occidentale con la cultura orientale. La Sposa cerca vendetta contro gli aguzzini che le hanno strappato la figlia.

LE IENE (Quentin Tarantino, 1992)

Il primo lungometraggio di Tarantino. Una rapina finita male porta alcuni malavitosi vestiti in giacca e cravatta a dubitare l’uno dell’altro.

PROVA A PRENDERMI (Steven Spielberg, 2002)

Un avvincente duello a distanza tra un agente FBI – interpretato da Tom Hanks – e il falsario Frank Abagnale Jr., personificato da un eccellente Leonardo Di Caprio.

PULP FICTION (Quentin Tarantino, 1994)

Una pietra miliare del cinema di Tarantino, nella quale c’è tutta la sua dialettica cinematografica. Tra gangster, pugili, aitanti mogli di boss e commercianti perversi, la vicenda sprofonda sempre più in una spirale di follia e violenza. 

THE DEPARTED (Martin Scorsese, 2006)

Uno dei capolavori di Scorsese. A prima vista potrebbe sembrare il classico film sui gangster, ma è molto di più: un’elucubrazione sull’identità umana. Con Leonardo Di Caprio, Jack Nicholson, Matt Damon e Mark Wahlberg. Da non perdere.

THE IRISHMAN (Martin Scorsese, 2019)

L’ultima fatica di Scorsese: più di tre ore per raccontare la storia di un vecchio sicario. Il cast è di tutto rispetto: Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci. 

THE WOLF OF WALL STREET (Martin Scorsese, 2013)

La vita esagerata e corrotta di Jordan Belfort, mago della finanza statunitense.

12 ANNI SCHIAVO (Steve McQueen, 2013)

Un uomo di colore trascorre 12 anni in schiavitù negli Stati Uniti prima della guerra di secessione.

A BEAUTIFUL MIND (Ron Howard, 2001)

Biopic sul geniale matematico John Nash, affetto da schizofrenia.

AMERICAN BEAUTY (Sam Mendes, 1999)

Un padre di famiglia frustrato e remissivo cerca di cambiare la propria triste condizione. L’ingannevole apparenza della società americana è ciò che viene continuamente messo alla berlina in questo film cult.

AMERICAN HISTORY X (Tony Kaye, 1999)

La storia di redenzione dello skinhead neonazista Derek Vinyard e del fratello minore che ne vuole seguire le orme.

ARANCIA MECCANICA (Stanley Kubrick, 1971)

Un’eccellente riflessione sul contrasto e sul difficile equilibrio tra i diritti individuali e i doveri civili e sociali. Straordinario.

CLOSER (Mike Nichols, 2004)

Quattro storie si intrecciano in un vortice di amore, sesso, tradimenti e bugie.

DRIVE (Nicolas Winding Refn, 2011)

Meccanico e stuntman holliwoodiano di giorno, nelle ore notturne lavora come autista per il crimine.

FORREST GUMP (Robert Zemeckis, 1994)

La vita del semplice Forrest si incrocia con la storia degli Stati Uniti d’America. Un must.

FRIDA (Julie Taymor, 2002)

Biopic sulla celebre pittrice Frida Kahlo.

IL CURIOSO CASO DI BENJAMIN BUTTON (David Fincher, 2012)

La vita di Benjamin Button, unico essere vivente al mondo che invece di invecchiare diventa sempre più giovane.

IL GLADIATORE (Ridley Scott, 2000)

Celebre film che narra la resa in schiavitù di un generale romano e la sua vendetta contro l’imperatore che gli ha ucciso moglie e figlio.

IL LATO POSITIVO (David O. Russell, 2012)

Pat soffre di disturbo bipolare, Tiffany invece di depressione. I due collaboreranno insieme per migliorare la propria condizione patologica.

IL PETROLIERE (Paul Thomas Anderson, 2008)

L’avidità e la corruzione inesorabile di un uomo diventato ricco petroliere.

LA TEORIA DEL TUTTO (James Marsh, 2014)

La vita del geniale fisico Stephen Hawking e l’amore che lo legò alla prima moglie Jane.

LE ALI DELLA LIBERTÀ (Frank Darabont, 1995)

La vicenda carceraria di Andy Dufresne, che viene imprigionato per l’omicidio di sua moglie e del suo amante.

LEI (Spike Jonze, 2013)

Storia d’amore tra Theodore e il sistema operativo del suo cellulare.

QUASI AMICI (Olivier Nakache, Éric Toledano, 2011)

L’amicizia tra un ricco paraplegico e il suo giovane badante.

RAGAZZE INTERROTTE (James Mangold, 1999)

Uno dei miei film preferiti, basato sulla reale esperienza della scrittrice Susanna Kaysen e sul suo soggiorno di 18 mesi presso un ospedale psichiatrico alla fine degli anni ’60. Il racconto di giovani vite sospese a metà. Interpretazione magistrale di Angelina Jolie, per la quale vinse il premio Oscar.

REVOLUTIONARY ROAD (Sam Mendes, 2008)

Leonardo Di Caprio e Kate Winslet ritornano insieme dopo Titanic per impersonare una coppia in crisi.

STORIA DI UN MATRIMONIO (Noah Baumbach, 2019)

L’amore tra Nicole e Charlie è finito, così come il loro matrimonio. Nonostante la guerra legale, tuttavia, il sentimento di reciproco affetto rimane.

THE TRUMAN SHOW (Peter Weir, 1998)

Truman – Jim Carrey – è il protagonista inconsapevole di un reality show. Una critica feroce alla società e ai mezzi di comunicazione.

WHIPLASH (Damien Chazelle, 2015)

Capolavoro recente che racconta l’ascesa di un giovane batterista spronato con metodi a dir poco discutibile dal suo insegnante, uno straordinario e luciferino JK Simmons.

WILL HUNTING – GENIO RIBELLE (Gus Van Sant, 1997)

Un giovane brillante ha problemi a relazionarsi col mondo circostante. Ad aiutarlo ci penserà un psicologo. Premio Oscar a Robin Williams.

Amazon Prime Video

IL GRANDE LEBOWSKI (Joel Coen, 1998)

Ammetto: non apprezzo particolarmente il cinema dei fratelli Coen e, in particolar modo, questo film non è tra i miei preferiti ma, probabilmente, è un limite mio dal momento che è  invece molto apprezzato.

LADY BIRD (Greta Gerwig, 2017)

Christine vuole farsi chiamare da tutti Lady Bird. È brillante ma allo stesso tempo egocentrica e sopra le righe. Il film esplora il conflittuale ma profondo rapporto con la madre e la sua crescita personale.

LA MAFIA UCCIDE SOLO D’ESTATE (Pif, 2013)

Raccontare la mafia con toni esilaranti – ma non per questo meno toccanti – è stato possibile grazie a questo bellissimo film.

NOTTING HILL (Roger Michell, 1999)

Il film d’amore per eccellenza: uno scapestrato libraio si innamora di una diva del cinema.

PERFETTI SCONOSCIUTI (Paolo Genovese, 2016)

Un gruppo di amici. Una cena in compagnia. Un gioco: scambiarsi i cellulari e leggerne i contenuti a voce alta. Quella che inizialmente sembrava una bella idea, si rivelerà un disastro per i protagonisti.

Drammatico:

BASTARDI SENZA GLORIA (Quentin Tarantino, 2009)

Tarantino stravolge la Storia nel suo sesto lungometraggio. Ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale, la giovane ebrea Shosanna cerca vendetta contro il colonnello tedesco Hans Landa, reo di aver massacrato tutta la sua famiglia.

BOYHOOD (Richard Linklater, 2014)

La lavorazione del film è durata 12 anni; un periodo nel quale l’attore protagonista cresce insieme al suo personaggio.

CAST AWAY (Robert Zemeckis, 2000)

Un naufragio costringe Chuck a vivere da solo in un’isola per quattro lunghi anni.

CHANGELING (Clint Eastwook, 2008)

Una donna denuncia la scomparsa del figlio nella Los Angeles del 1928. Le autorità le riportano un bambino che, però, non è il suo. Tratto da un’aberrante storia vera.

IL CONCERTO (Radu Mihāileanu, 2009)

Un grande concerto per celebrare la propria libertà ai tempi dell’Unione Sovietica. 

IL FILO NASCOSTO (Paul Thomas Anderson, 2017)

Ultima fatica di Anderson, racconta la relazione ambivalente tra lo stilista Reynolds Woodcock e la giovane Alma.

IL GRANDE GATSBY (Baz Luhrmann, 2013)

L’omonimo romanzo di Francis Scott Fitzgerald fu una pietra miliare della letteratura del Novecento. Trasporre in cinema il testo è un compito arduo e, a tratti, impossibile. Vale tuttavia la pena di vederlo.

INTO THE WILD (Sean Penn, 2007)

Cristopher McCandless è un ragazzo benestante che decide improvvisamente di abbandonare tutti gli agi per ripudiare una società superficiale e capitalista. Tratto dalla vera vicenda umana di Cristopher.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *