Agents
ARTICOLIGAME

Agents Biohunters: quando mischiare idee porta confusione

Abbiamo provato in Closed Beta il titolo di Playstark, unico gioco sviluppato sul catalogo Steam. le premesse c’erano tutte, vediamo cosa è stato creato…

Lo scorso 6 e 7 Marzo 2020 abbiamo provato per voi un gioco in accesso anticipato, pronto a mettersi in competizione con Fortnite e simili per la corona di FPS del momento. La caratteristica che differenzia questo dalla grande F è sicuramente la tavolozza di giochi da cui prende spunto. Troviamo meccaniche alla Overwatch tra i suoi ruoli, il level up alla League of Legends con lo sviluppo delle abilità durante la partita e il sistema di farming ed un boss da sconfiggere che ricorda molto le battaglie di Monster Hunter . Il gioco è attualmente in Accesso Anticipato e grazie alla Closed Beta abbiamo potuto vedere il prodotto semi finito che verrà ovviamente migliorato e corretto, ma per ora queste sono le nostre reazioni al prodotto:

Agents
Personaggi caratteristici, un mondo vasto e pieno di creature e tante battaglie ci aspettano in Agents Biohunters

Gameplay: Confusione, è questo che aleggia ad introdursi nel mondo di Agents Biohunters. Dalle prime immagini si viene proiettati in un mondo di gioco vasto e colorato, che ci permette di scorrazzare in giro a bordo di una moto di una discreta velocità che ricordano molto le cavalcature alla Paladins. Il gioco si sviluppa in un unica via e missione,un 3 vs 3 stile all’inizio re della collina dove bisogna trovare 3 cristalli per entrare nell’arena e sconfiggere il mutante che la abita e vincere la partita, ma ad ostacolarci ci saranno i giocatori della squadra nemica pronta ad affrontarci per conquistare i cristalli al posto nostro e annientare il mostro prima di noi. Ogni giocatore impersonerà un personaggio unico con varie skill e armi e con un ruolo importante e differente tra loro. Tank, DPS ed healer sono presenti in game con un sistema di farming durante le partite che ci permetterà di livellare e potenziare le nostre abilità

le squadre sono composte da 3 giocatori ognuno e si potrà coordinarsi tra i membri grazie proprio a i ruoli specifici di ogni personaggio

l’andamento del gioco è molto confusionario: LOL, Overwatch, Apex Legends, Paladins sono alcuni dei giochi da cui questo titolo prende ispirazione, ma che unisce fin troppi elementi diversi che mandano in confusione il giocatore, stiamo comunque parlando di una Closed Beta, che quindi permetterà agli sviluppatori di modificare e migliorare l’esperienza di gioco

Menzione al salto del personaggio che è molto simile al salto dei personaggi di Fortnite

Agents
3 vs 3 con in testa un solo obiettivo, trovare i cristalli e sconfiggere la creatura che doma l’arena. Queste le regole di Agents Biohunters

Grafica: L’idea di proporre un prodotto con una grafica cartoonosa non è nuova ma carina. La grafica ed il mondo di gioco ricordano molto le terre ed i personaggi di Fortnite, colorato e vispo con luci ed ombre segnate in maniera egregia per essere un gioco in fase beta. Il problema è l’intermittenza delle luci che sflicherano di continuo e la compenetrazione degli oggetti che non è ben assestata, anche tra i personaggi vi è questo problema. Speriamo in una miglioria tecnica a venire

Audio: L’audio è la parte migliore del titolo per ora, musiche originale anche se ricordano quelle di Fortnite, ma che tutto sommato fanno la loro parte. Unica pecca il suono dei colpi che in qualche occasione non è presente, ma si può migliorare

Agents
il mondo colorato e i suoi abitanti invogliano a scoprire di più di Agents Biohunters nonostante i difetti tecnici

Per ora una trama vera e propria non esiste, a parte il difendere la terra da queste creature giganti e il contendersi l’opportunità tra squadre , ma non sappiamo nulla di personaggi o nemici per ora, vedremo nei mesi seguenti se il Lore del gioco si espanderà

Un prodotto fugace, capace di racchiudere a sè molti elementi dai giochi di punta del momento ma che finiscono per confondere l’esecuzione del gioco e del gameplay da parte del giocatore. Se intendono portare il gioco in competitivo ( sezione presente ma non selezionabile al momento) il consiglio che possiamo dare è quello di fare un grande salto in avanti oltre al prodotto proposto con una meccanica presso che originale e non scopiazzata e oltre ai personaggi molto caratteristici e vari portare qualcosa in più che possa invogliare a giocare ancora a questo titolo. Vedremo in futuro cosa ci riserverà il titolo e se i Biohunters e i suoi agenti e riusciranno ad imporsi come uno dei giochi di punta del proprio settore competitivo

Appassionato di Videogiochi dalla tenera età, amore condizionato per la Playstation, amante delle serie TV e degli anime, Presentatore e Lottatore per la ICW-Italian Championship Wrestling

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *